“NEONATO IN ARRIVO, COSA SERVE?”

Manca veramente poco e il piccolo sarà a casa.

A questo punto si devono affrontare tanti dubbi su cosa è utile e su cosa è di troppo.

Di consigli utili in giro ce ne sono veramente pochi e chiedendo ad amici e parenti a volte si possono creare incertezze maggiori.

 neonato-in-arrivo-cosa-serve-elementi-bambino

SOLO L’INDISPENSABILE, NESSUN INGOMBRO INUTILE

È uno dei dubbi più martellanti di un neogenitore.

Ci siamo fatti mille ansie su cosa potesse servire, per farsi trovare preparati e non dover correre all’ultimo minuto ad acquistare l’oggetto che ci serve, per poi dover scegliere in fretta e in modo sbagliato.

Ecco quindi un utile guida, per non farti sobbalzare nel cuore della notte :D, pensando che ti sia sfuggito qualcosa d’importante, ma affrontare l’arrivo in casa del tuo piccolo in modo sereno.

Questo per passare dei bellissimi momenti nei vostri primi mesi di vita insieme.

Piacevole lettura? Sarebbe molto bello se la condividessi con gli altri ;-D  

APPRENDERAI LA MIGLIOR SOLUZIONE A QUALUNQUE TUA ESIGENZA

Passiamo ai fatti.

Non sarà un semplice e noioso elenco di quello che ti serve.

Ti spiegherò anche gli utilizzi e, se ce ne fossero, le alternative per scegliere la soluzione più giusta alle tue esigenze.


- CARROZZINA

L’utilizzerai sin dal primo giorno.

È molto utile e comoda soprattutto per le vostre passeggiate anche nei suoi sonnellini.

La carrozzina è utile anche in casa.

Permetterà al vostro bambino, sganciando la navicella dal telaio, di starvi sempre vicino e sentirsi sempre al sicuro.

 carrozzina-neonato-in-arrivo-cosa-serve

Ma non si sentirà solamente sicuro.

A modo suo, si sentirà molto più coinvolto nelle relazioni familiari.

Tutto questo durante la giornata.

Quando si fa notte, deve abituarsi al lettino o, cosa molto più comoda soprattutto per voi, alla culla co-sleeping.

Questa vi permetterà di tenere sempre sotto controllo il bambino, senza più dovervi alzare.

La combinazione, navicella di giorno e lettino o culla co sleeping di notte, è studiata in prospettiva al su riposo.

Deve associare la notte ad un momento di riposo più immersivo e continuo.

Ritornando alla navicella, deve essere molto ampia, in modo che possa muoversi liberamente fino ai 4-5 mesi.

La posizione della schiena è molto importante.

Per essere corretta la schiena deve poggiare su di un fondo rigido.

Gli interni invece dovrebbero essere sfoderabili e lavabili.

La federa e il lenzuolino all’interno della navicella, vanno sostituiti ogni giorno, inoltre eccovi un consiglio utile.

Nella stagione estiva, fate arieggiare tutta la notte il materassino, quando suderà.

Procuratevi tutti gli accessori e portateli sempre con voi, come i parapioggia, per piogge improvvise.

Importante, la carrozzina deve essere munita del dispositivo frenante per non rischiare il ribaltamento.

 

- CULLA E/O LETTINO

A quest’oggi ci sono una miriade di culle che possono sostituire i lettini almeno per i primi mesi.

A quest’oggi ti dico che sono molto utilizzate le culle e ne esistono di diverso tipo.

Classiche o co sleeping ma ricorda sono tutte culle salvaspazio.

culla-co-sleeping-neonato-in-arrivo-cosa-serveLe culle co sleeping sono molto richieste; la loro è una vera e propria comodità.

Devi allattare? Vuoi semplicemente controllarlo?

Agganciandosi ai uno dei lati del letto, come un prolungamento, non dovrai più alzarti.

La culla essendo uno spazio più raccolto, si sente più sicuro.

Utilizzabile fino a 4 mesi dalla nascita, è perfetta per accogliere il suo sonno

Il primo consiglio per una buona culla è che la struttura deve essere robusta, con un fondo rigido e un materasso su di esso, così da sostenerlo visto che la muscolatura ancora non è sviluppata.

Dopodiché si potrà passare al lettino, ma attenzione!
Può essere utilizzato anche fin dalla nascita.

riduttore-mini-culla-neonato-in-arrivo-cosa-serveL’importante, se si vuole utilizzare il lettino fin da subito, è inserire al suo interno dei paracolpi a protezione delle sponde del lettino, e inoltre un nostro utile consiglio le cosiddette mini culle.

Sono appunto delle piccole culle che ristringono lo spazio del lettino e quindi la libertà di movimento del neonato.

Il lettino deve avere le doghe in legno, inoltre è importante inserire un materasso della stessa misura, deve entrare perfettamente fra le sponde, così da evitare che le manine o i piedini s’incastrino tra di essi.

L’altezza delle sponde, deve essere minimo di 60 cm, così da evitare il loro scavalcamento e la distanza tra le stecche, per impedire che il bambino infili la testa tra l’una e l’altra, deve essere tra i 6 e i 7,5 cm.

Importante per un opportuno riposo: il materasso, il cuscino e le lenzuola.

Il materasso rigido, in lattice o caucciù, anche se ormai lo sono tutti, controlla bene che sia antiacaro, anallergico e traspirante.

Il cuscino, basso e piccolo, deve essere antisoffoco così da permettere al bambino di respirare anche se si gira a faccia in giù, ma ricorda che è sconsigliato nei primi mesi.

Unico consiglio per il lenzuolo, che sia di cotone.

Apro un importante parentesi sulla posizione più corretta durante il sonno del neonato.

La posizione è quella da supina a pancia in su.

Numerose ricerche e studi in tutto il mondo confermano che la posizione supina, riduce in maniera drastica il rischio della cosiddetta morte in culla o SIDS.

Ti lascio due articoli per approfondire questo importante e delicato argomento.

Morte in culla: ecco cosa devono sapere i genitori
Sindrome della morte in culla

 

- BAGNETTO FASCIATOIO

Il bagnetto fasciatoio è un mobile dove poter togliere il pannolino al bambino e cambiarglielo, ma anche per effettuare altre operazioni.

Il bagnetto fasciatoio è molto utile sia perché ti permetterà di avere tutto l’occorrente a portata di mano, sia perché eviterai di assumere posizioni scomode.

I bagnetti fasciatoio ne esistono di due tipi diversi.

Partiamo dal più classico, quello con il mobile in legno.

Una vera e propria cassettiera, certo più ingombrante ma con vari scomparti per riporre i suoi indumenti e tutto il necessario per il suo igiene.

Il ripiano, dove si trova il fasciatoio, sollevato nasconde una comoda vaschetta per i bagnetti.

Il mobile è composto di ruote per spostarlo in altri spazi, ma ricorda sempre che nel momento del suo utilizzo di azionare il blocco delle ruote per non rischiare che si muova.

Ora passiamo all’altra soluzione.

Quella più semplice ma soprattutto salvaspazio, può essere posizionata sopra ai sanitari e quando non la si utilizza, ha la possibilità di essere chiusa rimanendo molto compatta.

Naturalmente non è fornita di scomparti, è composta solamente di vaschetta e fasciatoio.

Questa soluzione, la consigliamo molto molto spesso, è perfetta per chi ha una casa piccola o comunque non ha molti spazi in casa da occupare, o perché semplicemente si vuole avere tutto in ordine.

Un utile osservazione.

In commercio sono disponibili anche dei semplici fasciatoi senza nessuna struttura, sono portatili e possono essere posizionati su qualunque superficie, molto utili in viaggio.


- SEGGIOLONE

Il seggiolone pappa può essere usato dal 6° mese in poi.

Il suo utilizzo coincide con la capacità di stare seduto anche appoggiandosi allo schienale.

Il seggiolone pappa gli permette di partecipare alla vita famigliare anche a tavola.

Controlla che i materiali con cui è fatto, siano atossici e facilmente lavabili.

Accertati che abbia una struttura robusta, sia dotato di cinghie e che abbia per una maggiore sicurezza, anche se non obbligatoria, la fascia centrale tra le gambe così da evitare che scivoli.

Infine piccoli accorgimenti per un’ulteriore comodità, sia tua che per il tuo bambino.

Il ripiano anteriore per appoggiare il piattino ed evitare che il bambino si sporga pericolosamente.

Il poggiapiedi, per un miglior comfort, evitando il penzolamento delle gambe.

Utili consigli per destreggiarvi meglio nel momento della pappa.

Anche se il bambino è ben assicurato alla seduta con le cinghie, mai perderlo d’occhio, si potrebbe slegare o comunque in qualche modo divincolare cadendo a terra.

Attenzione agli oggetti vicini, come appunto il tavolo se si vuol farlo mangiare insieme a voi.

Potrebbe impuntare i piedi su di essi spingendosi all’indietro, provocando il ribaltamento del seggiolone stesso.


- TERMOMETRO

Usato per rilevare la temperatura superficiale e interna del bambino, ma non solo.

Alcuni con la doppia funzione di termometri ambiente.

Cioè termometri a raggi infrarossi, con cui è possibile misurare tutto ed appunto anche l’ambiente, per esempio la sua cameretta.

In commercio ne esistono di varie tipologie.

Il più classico, al mercurio, usato principalmente in ambito medico nei laboratori, per la sua precisione l’affidabilità e il basso costo, ormai fuori commercio per legge.

Causa tossicità del mercurio e i suoi rischi legati all’inquinamento.

Altra tipologia, termometro ad infrarossi.

Questo tipo di termometro viene suddiviso in tre varianti.

Il termometro auricolare da inserire nel canale esterno dell’orecchio.

Questo tipo di termometro, misura la temperatura registrando i raggi infrarossi emessi dal timpano.

Se scegliete questo tipo di termometro, state molto attenti.

Assicuratevi prima di tutto che il vostro bambino non abbia disturbi all’orecchio.

Altra variante, il termometro frontale e termometro a distanza.

Entrambi misurano i raggi infrarossi emessi dalla fronte o, grazie ad un puntatore ottico su di un corpo distante, nel giro di pochi secondi si visualizzerà sul display la temperatura rilevata.

Infine siamo giunti al termometro elettronico o digitale.

Prima di tutto posso dirti che questi termometri sono infrangibili, sono dotati di un display che al rilevamento della temperatura emettono un sono acustico.

Li consiglio vivamente a tutti, sono la scelta migliore per la loro elevata affidabilità e il basso costo.

Con questi tipi di termometri la temperatura può essere misurata in modi diversi.

Per via rettale, orale o ascellare.


- BILANCIA

La bilancia è uno strumento molto molto delicato!

Sconsigliamo sempre l’acquisto, perché di solito la mamma va in fissa per il peso del bambino.

Inizia a pesarlo continuamente, prima e dopo ogni pasto.

Quindi se la si vuole acquistare per una maggiore tranquillità in caso di bisogno improvviso va bene, ma personalmente consiglio sempre quando ci viene chiesto di pesare il neonato ogni 15 giorni.

Ma siccome è solamente un nostro consiglio e parere personale, consigliamo sempre per saperne di più, di contattare il proprio pediatra.

Se non la si vuole acquistare, si può sia affittarla sia attendere i controlli periodici dal pediatra.

Da non prendere assolutamente in considerazione i nostri consigli, se ci sia un bisogno per particolari problemi di salute del bambino e ci sia una richiesta esplicita da parte del proprio pediatra.


Ultimo accorgimento, i giochi.

Quelli non possono non mancare! :-D

 

Bene questa guida finisce qui, spero che abbia risposto alle tue domande.

Inoltre se l’articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi, per ricevere aggiornamenti! :-)